Home - chi sono - come la penso - prenota consulto - richiesta informazioni - come opero - cv - costi

logo-psicologo Quando scegliere uno psicologo uomo e quando una psicologa donnalogo-psicologo

psicologo-roma  Dr. Vittorio Mendicino   social-facebook   social-twitter    psicplogo_youtube

Video su chi sono


(Metro A,Tuscolana, Porta Furba,Cinecittà,Quadraro,Appia) Mappa
Via Marco Decumio,15 Roma Tel.06 768080 - 3495760842

Conviene scegliere uno psicologo uomo o una psicologa donna

In questo articolo affronteremo il tema del sesso dello psicologo, ovvero quando è meglio scegliere uno psicologo uomo e quando è meglio scegliere una psicologa donna.
Questo dubbio  è molto diffuso e deve essee risolto per decidere  se la scelta dello psicologo psicoterapeuta debba ricadere su un uomo o su una donna.

scelta-genere-psicologo
La  risposta più diffusa è : l’importante  che il professionista sia veramente preparato e capace, non importa se uomo o donna.
Un’altra risposta è: quello che conta veramente, è se riesce a mettere il paziente a proprio agio nella relazione analitica, poiché questa facoltà dipende in maggior modo dalla personalità e dallo stile dello psicologo, sia esso uomo o donna.Questo è importante perché può facilitare o ritardare l’alleanza terapeutica.
La domanda se scegliere un uomo o una donna al paziente sorge anche quando Immagina di raccontare alcuni fatti, talune fantasie, certi disturbi a una persona del sesso apposto immagina  di non essere compreso e ancor di più di essere giudicato
In realtà lo psicologo si predispone a comprendere e non a giudicare il paziente, favorendo l’affioramento e la verbalizzazione anche di zone nere, grigie o rosse, qualunque esse siano, sapendo che una buona relazione terapeutica è fondamentale per la riuscita della “cura”
L’ identità di genere, uomo o donna, dello psicoterapeuta, sono importanti al fine di una psicoterapia? Interferisce l’identità di genere del terapeuta sulla psicoterapia? Secondo noi possono avere un ruolo importante, ma non in quanto uomo o donna, ma in quanto capaci di stimolare o essere stimolati senza subire deragliamenti, ma traducendo gli eventuali aspetti a connotazione sessuale in materiale d’analisi.
Lo psicoterapeuta deve possedere la capacità di utilizzare le parti maschili e femminili per meglio capire le dinamiche inconsce e per favorirne la visibilità e la verbalizzazione.
Il paziente in analisi tende ( transfert) a sostituire la persona reale del terapeuta con significati della personale storia, in funzione di esperienze psichiche che hanno lasciato il segno e il conto in sospeso.
Lo psicologo in realtà nelle vesti di psicoterapeuta diventa sessualmente silente.
La possibilità di sentirsi compresi e non giudicati è un requisito fondamentale per lo stabilirsi di una buona relazione terapeutica, ma questo non deve essere il risultato di una falsificazione pretesa dalle resistenze inconsce. L’esperienza analitica favorisce la conoscenza e l’assaporamento della primavera , ma anche le insidie dei temporali invernali.
Lo psicologo capace non si fa trarre in inganno, non asseconda la richiesta delle resistenze che chiedono un atteggiamento gentile servizievole e carino da commessa.
Il cambiamento, l’emancipazione e la “cura”, sono un processo faticoso, a volte doloroso, altre trasgressivo, spesso pieno di ostacoli da superare.
La psicoterapia, l’analisi oltre agli aspetti empatici, romantici e fusionali è costellata anche da incomprensioni ostilità rancori, insomma da piaceri e dispiaceri. Non è una semplice passeggiata amichevole come qualcuno può erroneamente pensare.

foto-sogno
Conclusioni:
Noi possiamo asserire che in realtà il paziente spesso opera una scelta preconcetta e la mette come condizione, si sottopone al trattamento psicoterapico solo e a secondo dei casi che sia uomo o donna.
Nel tipo di preferenza uomo o donna le resistenze ricattano sulla scelta. E a volte coloro che trarrebbero maggior  beneficio da una psicologa donna vanno da uno psicologo uomo e coloro che trarrebbero maggior  beneficio da uno psicologo, vanno da una psicologa.
Questo tipo di scelta è dettata dalle resistenze operate dalla parte inconscia che rifiuta di volersi curare per paura. Con uno psicoterapeuta capace tuttavia queste resistenze non avrebbero la forza di vanificare l’analisi, magari il professionista si troverebbe a dover impiegare del tempo in più per rendere le difese del paziente meno indispensabili, ma condurrebbe comunque il paziente sulla strada del desiderio (Lacan)
I pazienti che rientrano in questa fattispecie sono persone che sentono di non disporre di tutti i comandi sulla propria persona, che hanno un forte bisogno di non mettere ne mano ne parola all’aggressività o alla sessualità, riposte in un instabili equilibri, oppure che il loro funzionamento non sia a norma e viene vissuto come poco affidabile. Frequentemente la loro identità non è fiorita e non ha fruttificato.
Allora temono di mettersi nei guai, di essere stimolati o di stimolare lo psicologo, s’ immaginano e sentono di andare come nudi alla seduta con lo psicologo. Da questo nasce il bisogno di uno psicologo teorico e senza sesso. Di uno che non veda la sua “nudità”, e la sua realtà sofferente. Di uno che non ecciti e che non ama essere eccitato, di uno che non abbia a cuore la cura e la guarigione. Di uno che non abbia pretese, che faccia lo psicologo senza essere invadente, che faccia l’amico superficiale e basta.

ricerca-benessere
Bibliografia
S.Freud - Opere Vol.4 Tre saggi sulla teoria sessuale e altri scritti - Ed. Bollati Boringhieri – 1977
S.Freud Opere Vol.7, “l’interesse per la psicoanalisi - tr. It. Boringhieri, Torino, 1979.
Fornari F. Genitalità e cultura. Feltrinelli, Milano - 1975,
Kaplan “Nuove terapie sessuali” Bompiani Editore, Firenze 1991.
E. Fachinelli, La mente estatica, Ed. Adelphi - 1989
Sandler J. - Dare C. - Holder A. (1973), tr. It. Il paziente e l'analista, Bollati Boringhieri, Torino -1974
Lacan, J. (1995) Scritti, 2 volumi, Torino, Einaudi
Kohut Heinz - Introspezione ed Empatia- Bollati Boringhieri – 2003
Wilhelm Reich - Analisi del carattere –SugarCo -1973
Gill M. M. (1982) Teoria e tecnica dell’analisi del transfert, Casa Editrice Astrolabio, Roma, 1985.
Zetzel E.R. (1958), tr. it. Psichiatria Psicoanalitica, Bollati Boringhieri, Torino 1976
Otto F. Kernberg - Bollati Boringhieri – 1980
Mondo Interno e Realtà Esterna di Otto F. Kernberg - Bollati Boringhieri 1985
Otto Kernberg s , Relazioni D’amore” normalità e patologia Raffaello Cortina Editore (1995)
Kernberg O., “Relazioni d’amore Normalità e patologia” Cortina Editore Milano, 1996
Otto Kernberg “Amore e Aggressività” 2013 - Ed. Fioriti
Otto F. Kernberg - Teoria della relazione oggettuale e clinica psicoanalitica
Otto F. Kernberg - Erotismo e aggressività nei disturbi gravi di personalità
Otto F. Kernberg - Cortina Raffaello – 2019



Vittorio Mendicino (Psicologo Psicoterapeuta)
Roma Settembre  2020

Altri articoli dello stesso autore

Roma Settembre 2020 © Vittorio Mendicono -
" Psicologo Psicoterapeuta"

Psicologo Roma

Articoli dello stesso autore



Segnala link interrotto -privacy - segreteria telefonica - copyright - indirizzo psicologo Roma - titolare del sito