Home - chi sono - come la penso - prenota consulto - richiesta informazioni - come opero - cv - costi

Conoscere |Psicologo Roma

psicologo-roma  Dr. Vittorio Mendicino          psicplogo_youtube

Video su chi sono


(Metro A,Tuscolana, Porta Furba,Cinecittà) Mappa
Via Marco Decumio,15 Roma Tel.06 768080 - 3495760842 -3402907313

servizi -  dove sono  - consulti  - sedute di psicoterapia - durata della psicoterapia - psicologo di coppia

scrizione albo N°1055)  autorizzazione 3696/ u del  10 /06/ 2004. P.I.09678690588 - Sportello  per consulti, per psicoterapie individuale e di coppia- Riceve per appuntamento
dal Lunedì al Sabato "attacchi di panico,depressione,fobie,crisi di coppia,conflitti familiari,disturbi del carattere,vuoto interiore,ansia generalizzata,crisi di pianto, schizofrenia,
crisi dell'identità,disturbi psicosomatici, crisi partum e maternità, infertilita da stress, iperattività,disturbi alimentari" Psicologo Psicoterapeuta Roma e Lazio - googleplus:vitocini@gmail.com ( per casi particolari anche a domicilio) Psicologo della coppia e della famiglia

Indice :


Disturbi Mentali 

Psicologo Roma

Ospedali cliniche

Sanità Asl Cliniche
 
Psicoanalisi

Psicoterapia

Meditativi

Articoli
di Psicologia


Meditativi

Ospedali - Cliniche

Sanità Cunsultori CSM

Comunità Terapeutiche

Cliniche e case
di cura


Suggerimenti richieste


Scambio link 
Utility

 


Prevenzione


 

 

Io psicologo come la penso approfonditimenti

Vittorio Mendicino (psicologo, psicoterapeuta di Roma)

Ecco come opero e come la penso......

Kouhnt mi sovviene quando penso che  si può stare benissimo assieme  a qualcuno senza interpretare ciò che fa e non fa e che  posso usare l’empatia come se fosse un “braccio e un abbraccio al laser” per  la ricerca, la verifica e la conquista di confidenza ricostruttiva del profondo.

Considero importante dare al paziente un “ambiente emotivo sufficientemente buono” (Winnicott), capace di  contenere e sostenere il paziente.

In definitiva opero con la consapevolezza che la cura psicoterapica ha poco effetto  quando l’incontro si svolge  e si manifesta con espressioni teoriche ed intellettuali senza l’indispensabile  affettività  generatrice di senso di amore, odio e conoscenza.

Penso che un trattamento psicoterapico comporti quasi il vivere  una “malattia artificiale,” paziente e terapeuta  percorreranno entrambi strade buie, incomprensibili, piene di ostacoli, prima di poter vedere la luce e il nome dei sensi. Durante questo percorso, il terapeuta utilizza i suoi orientamenti interni, la sua esperienza e gli strumenti analitici  che possiede, per contenere e sostenere  la situazione e per mantenere la rotta che porta alla guarigione ovvero alla pensabilità.

 In altri termini possiamo immaginare una buona parte del  funzionamento  del lavoro psicoterapico come se fosse l’esperienza  dell’affrontare  un compito difficile e pauroso prima, assieme a chi è capace di farlo, per poi poterlo affrontare, con meno paura, finalmente anche  da soli.

Il  compito difficile è  quello che viene definito “nevrosi da transfert” (comprende tutte le atmosfere emotive, il tipo di rapporto, lo stile, la fiducia e la sfiducia, la sfida,  la remissione, l’assenza o la presenza di comprensione, le verità e le bugie) che caratterizzano la relazione analitica.

Glover (1955) dice che la nevrosi da transfert consiste in una regressione, in un rivivere, anziché un vivere. E’ il ritorno di quel che si è vissuto  per la prima volta quando si è avverata la “formazione del sintomo”, vale a dire la ricomparsa della  nevrosi infantile. “Si rumina il contenuto dello stomaco”, non si mastica il “cibo attuale”.

Il lavoro psicoterapico  ben fatto, porterà per dirla ancora  metaforicamente a consumare il cibo attuale e a mangiare con gusto, quindi a poter vivere, anziché sopravvivere la propria vita.

Freud a proposito del processo terapeutico e della guarigione  in una sintesi diceva: “Là dove c’è l’Es ci sarà l’Io”.  Bion introduce l’idea che la conquista della conoscenza, in senso di realtà e  del pensiero, attesta il positivo processo terapeutico. Quindi, la possibilità di rapportarsi con il presente, con la realtà e non solo (come in caso di disturbi) con il passato problematico e doloroso, che viene proiettato invasivamente nel presente  e nelle persone di quotidiana frequentazione, corrisponde all’emancipazione dalla sofferenza e alla guarigione.

Dott: Vittorio Mendicino (psicolgo-psicoterapeuta)  info@psicologiaeterapia.it

Segnala link interrotto  - privacy - segreteria telefonica - copyrait - indirizzo psicologo clinico
- titolare del sito - Il fumo nuoce alla salute e alla libertà personale .